Vai al contenuto

Organizzazione

Il Decreto Legislativo 31/03/1998 n. 112, definisce e attribuisce tutte le funzioni amministrative inerenti alla Protezione Civile alle Regioni e agli Enti Locali.

L’art. 108 del D. Lgs n. 112/98, in particolare, attribuisce al Comune le funzioni relative:

  • all’attuazione, in ambito comunale, delle attività di previsione e degli interventi di prevenzione dei rischi, stabilite dai programmi e piani regionali;
  • all’adozione di tutti i provvedimenti, compresi quelli relativi alla preparazione all’emergenza, necessaria ad assicurare i primi soccorsi in caso d’eventi calamitosi in ambito comunale;
  • alla predisposizione dei piani comunali e/o intercomunali d’emergenza, anche nelle forme associative di cooperazione previste dalla legge 8 giugno 1990 n. 142, e, in ambito montano tramite le Comunità Montane, alla cura della loro attuazione sulla base degli indirizzi regionali;
  • all’attivazione dei primi soccorsi alla popolazione e degli interventi urgenti necessari a fronteggiare l’emergenza;
  • alla vigilanza sull’attuazione, da parte delle strutture locali di protezione civile, dei servizi urgenti;
  • all’utilizzo del volontariato di protezione civile comunale e/o intercomunale, sulla base degli indirizzi nazionali e regionali.

Dall’analisi del dettato di legge si evince chiaramente che il ruolo principale del Comune è di programmare e pianificare gli interventi di protezione civile, pertinenti al proprio territorio. L’attività di programmazione dei Comuni in primo luogo concerne la previsione, vale a dire l’analisi dei rischi che insistono sul territorio. L’individuazione dei rischi dovrà necessariamente essere supportata dalla conoscenza tecnico-scientifica degli stessi. All’individuazione dei rischi deve seguire la fase di prevenzione, consistente nell’adozione di misure organizzative di gestione e/o governo del territorio volte a limitare e, laddove è possibile, ad eliminare il rischio individuato. L’attività di pianificazione, invece, consiste nell’elaborazione coordinata delle procedure operative d’intervento da attuarsi nel caso in cui accade l’evento contemplato, in un apposito scenario di un determinato territorio del Comune. La pianificazione, quindi, si deve porre come obiettivo di definire e coordinare l’attivazione dei primi soccorsi alla popolazione e gli interventi urgenti e necessari a fronteggiare l’emergenza da parte della struttura locale e del volontariato di protezione civile presente sul territorio. L'organizzazione della Protezione Civile a livello locale e la gradualità degli interventi, in funzione delle  esigenze, sono delineate nel Piano Comunale di Protezione Civile.

Vedi anche: Sindaco, Centro Operativo Comunale (COC), Funzioni di Supporto, Ufficio Comunale di Protezione Civile

Torna a Piano di emergenza

Accessibility